Il tuo carrello

SCELTE DISCREZIONALI DEL PUBBLICO MINISTERO E RUOLO DEI MODELLI ORGANIZZATIVI NELL'AZIONE CONTRO GLI ENTI

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Rosa Anna Ruggiero

editore: Giappichelli

anno di pubblicazione: 2018 XIV edizione

29,00

APPROFONDISCI

La monografia “Scelte discrezionali del pubblico ministero e ruolo dei modelli organizzativi nell’esercizio dell’azione contro gli enti” affronta con taglio originale la materia della responsabilità da reato delle imprese, evidenziando i profili di discrezionalità che connotano l’agire del pubblico ministero e che fanno affiorare significativi punti di contatto tra il nostro sistema e quello statunitense di corporate criminal liability. Le ragioni di opportunità, che non di rado ispirano anche in Italia le decisioni dell’organo dell’accusa, emergono non solo con riferimento all’alternativa tra contestazione dell’illecito e archiviazione, ma anche prima che essa si ponga, sin dal momento in cui bisogna valutare se iniziare le indagini. Nonostante il legislatore abbia puntato molto sul d.lgs. n. 231 del 2001 e continui a scommetterci, come dimostrano per esempio l’ampliamento del catalogo dei reati presupposto e l’estensione dello strumento del  whistleblowing anche al settore privato proprio attraverso la novellazione del decreto, la sua applicazione è inferiore alle aspettative. Allo stesso tempo, però, quando il d.lgs. n. 231 del 2001 trova impiego mostra soprattutto il suo volto punitivo, benché l’aspetto più qualificante della normativa sia rappresentato dalla valorizzazione dei modelli organizzativi e delle condotte riparatorie in un’ottica premiale finalizzata a promuovere la cultura della legalità dell’impresa. Pertanto, è quanto mai urgente una riforma con cui introdurre nuove occasioni di ravvedimento postumo dell’ente e riconoscere, in questi casi, una contropartita più allettante, quale potrebbe essere l’estinzione dell’illecito amministrativo da reato.

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com